Un progetto che nasce per mettere in relazione molti dei paesi dell’entroterra crotonese, attraverso un ciclo di esperienze e un’offerta di ospitalità diffusa sul territorio

+39 3792681776
Via Spartaco, 7 - Pallagorio (Kr)
esperienze@instaruga.it

I Calanchi del Marchesato: un paesaggio lunare

Sentiero Le Forche

Un’escursione all’interno di un paesaggio lunare: quello dei calanchi del Marchesato nell’area compresa tra i comuni di Cutro e Roccabernarda. Uno scenario unico e suggestivo, tra monoliti di argilla, calanchi, biancane e colline dorate di grano, quelle che Pierpaolo Pasolini nel suo reportage “La lunga strada di sabbia” pubblicato sulla rivista Successo nel 1959, definì “dune immaginate da Kafka”.
Percorreremo i luoghi dove fu girato il film “Il Vangelo secondo Matteo” ed un tratto della “viam veteram”: la strada che per secoli ha messo in collegamento il paese di Cutro con l’entroterra.

L’itinerario, della lunghezza complessiva a/r di circa 4 km, parte dalla strada sterrata che si dipana in fondo a via Barbara Micarelli, e prosegue in discesa, passando per le biancane monumentali della Scala.
Sospesi sulle creste dei calanchi a lama di coltello, attraverseremo una valle, e risaliremo fino ad un punto panoramico dal quale ammirare la visuale sulla valle sottostante: l’area SIC Stagni sotto Timpone San Francesco, inserita nella Rete Natura 2000 per via di un particolare habitat ricco di specie vegetali e animali protette, come la Testuggine palustre europea e il Cervone.
Arrivati al primo stagno e dopo una breve sosta, ridiscenderemo fino al piano in corrispondenza del secondo stagno, circondati da panorami di estrema bellezza.

 

DATI TECNICI

Numero di partecipanti: minimo 5 – 30 persone massimo.

Lunghezza percorso 6 km

Difficoltà intermedia.

Dislivello: 250 mt in discesa; 100 mt in salita

Acqua lungo il percorso: all’inizio del percorso

L’Associazione

Calanchi del Marchesato nasce da un problema e si trasforma subito in una grande opportunità. Una discarica sarebbe dovuta sorgere tra le dune del Marchesato, che per la loro origine argillosa bene si sarebbero prestate ad accogliere rifiuti di ogni ordine.

Questo pericolo incombente ha scosso gli animi di un gruppo di giovani local, che appresa la notizia della minaccia hanno deciso di fare un sopralluogo sui calanchi e, una volta raggiunta la balconata che affaccia sulle famigerate “dune gialle” citate da Pasolini ne “La lunga strada di sabbia”, si sono resi conto che quel posto così affascinante avrebbe dovuto avere un ruolo più importante per il Marchesato Crotonese.

Così nasce Calanchi del Marchesato, movimento di tutela e valorizzazione, poi divenuto associazione di promozione sociale: un gruppo vulcanico con idee semplici e rivoluzionarie, al quale hanno subito aderito singoli cittadini, associazioni ed enti locali dell’area di riferimento.

Questa moltitudine si è ritrovata a discutere di conoscenza del territorio, di turismo e di sviluppo locale, riscontrando idee comuni ed una incredibile voglia di riscatto, nella consapevolezza di vivere in un luogo ricco di bellezze naturalistiche, storiche e paesaggistiche.

Dagli animati ragionamenti emergeva un’idea unica, compatta come l’argilla dei calanchi: realizzare un parco, il “Parco dei Calanchi del Marchesato”, un insieme di luoghi dalle stesse caratteristiche geologiche ricchi di evidenze storiche, archeologiche e culturali.

Sin dall’evento Zero, organizzato in collaborazione con il Comune di Roccabernarda, il movimento ha delineato la sua missione nel proporre iniziative finalizzate a favorire la conoscenza dei luoghi ed il recupero dell’identità territoriale, proponendo attività trasversali all’interno di un unico evento.

Le Location sono le più disparate e a fare da protagonisti sono sempre calanchi e biancane, terre dal colore grigio azzurro con una superficie rugosa simile alla faccia della luna, alcune più salate, come i diapiri di Zinga e altre dolci come le colline che da Cutro degradano verso il mare Ionio.

In questi luoghi si svolgono passeggiate, concerti e letture, spettacoli teatrali e laboratori d’arte nel rispetto della natura e dell’ambiente.  Il percorso per realizzare Il “Parco dei Calanchi del Marchesato” sarà lungo e probabilmente ambizioso e per questo, con le sue iniziative il movimento vuole coinvolgere e sensibilizzare le comunità locali e non solo, alla scoperta dei calanchi, facendo rete con numerose realtà che si impegnano nella tutela dell’ambiente e nella promozione del Marchesato Crotonese negli itinerari del turismo lento ed esperienziale, per mostrare a tutti quanta bellezza c’è davanti ai nostri occhi, affinché non si parli più di una discarica tra i calanchi.

  • Destinazione

  • Partenza

    Cutro, Piazzale Acquedotto
  • Orario di Partenza

    Raduno ore 17.00 - Partenza ore 17.30
  • Orario di Ritorno

    Approssimativamente alle ore 20.30
  • Abbigliamento

    Abbigliamento comodo, pantalone lungo, scarpe da trekking, bastoncini da trekking, cappello, crema solare, spray anti insetti, 2 litri di acqua.
  • Incluso

    Guida
  • Non Incluso

    Accompagnatori
    Accompagnatrice
    Colazione
    Degustazione
    Extra
    Pranzo/cena
    Trasporto
Avvia conversazione.
Bisogno d'aiuto?
Ciao sono Luana.